a

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium natus error sit omnis iste natus error sit voluptatem accusantium.

@2018. Select Theme All Rights Reserved.

top

Il progetto per il Padiglione Italia propone un’entità dinamica in cui la struttura architettonica e i contenuti raccontano metaforicamente l’identità culturale italiana attraverso tre linee guida: Architettura, Natura e Tecnologia.
Queste accompagnano i visitatori in un percorso emozionale, tattile e visivo coniugando codici estetici e funzionali con quelli di innovazione e sostenibilità.

Il Padiglione è caratterizzato da un corpo longitudinale leggermente traslato rispetto al lotto, composto da due elementi: un basamento architettonico, che contiene tutte le funzioni e i servizi, e una struttura trasparente realizzata in rete metallica, con funzione iconica e climatica, che costituisce l’ombreggiatura degli spazi scoperti del padiglione.

Il basamento sale gradualmente in quota disegnando un guscio materico che custodisce gelosamente il giardino, rendendolo visibile solo in parte dall’esterno, e ponendosi al di sotto delle maestose strutture trasparenti che evocano gli ambienti e le volte dei cortili e dei palazzi italiani.

 

La fusione tra l’elemento materico e quello etereo dà vita ai grandi spazi centrali – il Prologo e la Piazza che, pervasi da acqua e giardino, elementi cardine della grande tradizione dei Giardini Italiani, costituiscono il fulcro evocativo e funzionale del progetto.

Se all’esterno è ben visibile il volume plasmato dall’uomo, all’interno le linee architettoniche spariscono del tutto per essere ricoperte da vegetazione, acqua, rete metallica e vetro, che configurano un ambiente avvolgente e sospeso.

 

L’architettura trasparente è pura essenza strutturale, espressa attraverso la leggerezza del materiale e l’uso degli archetipi architettonici italiani, il basamento è la sua impronta opaca. I due elementi sono complementari e si presentano l’uno come negativo dell’altro. La stratificazione tra elementi trasparenti, materici e vegetali codifica una sorta di rovina della memoria che si riferisce alla continua sintesi del passato come radice profonda del nostro fare contemporaneo.

Il Padiglione è un luogo sinfonico in cui natura e architettura dialogano – seguendo la definizione originaria di giardino – componendo uno spazio formale e geometrico: è sull’architettura trasparente che la vegetazione si sviluppa e prende forma.

 

La struttura in rete metallica determina la lettura dello spazio all’interno di un racconto unitario in cui i due mondi si fondono elegantemente.

Architetto

Ingegnere

Naturalista

Padigione Italiano Expo Dubai 2020
LUOGO:

Dubai – UAE

CRONOLOGIA:

2018

DATI DIMENSIONALI:

Sup. Area 4750 mq

COMMITTENTE:

Invitalia

PARTNER:

Edoardo Tresoldi, Studio Costa Architecture, Emanuele Donadel, Studio IDEAM, Progettando srl, Studio Tecnico Ing. Gaetano Farella, Ing. Leo Francesco

TEAM DI LAVORO:

Arch. Mauro Traverso,Arch. Egizia Gasparini, Arch. Matteo Rocca, Arch. Valentina Dallaturca, Agr. Ettore Zauli

Jacopo Battistini, Mattia Leonardi, Arch. Chiara Mafezzoni, Jorge Mosquera

STATO DEI LAVORI:

Concorso – 3° classificato