a

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium natus error sit omnis iste natus error sit voluptatem accusantium.

@2018. Select Theme All Rights Reserved.

top

La Caserma Piave, insieme a numerosi altri insediamenti militari tuttora presenti sul territorio, ha contribuito dai primi anni del novecento allo sviluppo della città di Belluno, nella quale la presenza massiccia dell’esercito ha reso questo capoluogo il quartier generale della Brigata Alpina “Cadore”.

Dal 2013 l’Amministrazione Comunale ha avviato nelle aree dell’ex caserma un esperimento sociale, mettendo a disposizione gli immobili presenti all’interno dell’area per iniziative, proposte e associazioni che valorizzano la progettualità di soggetti eterogenei, al fine di attivare in questo grande vuoto, il virtuoso processo di rigenerazione tuttora in atto.

Intervista ai rappresentanti delle Associazioni di Spazio EX.
Video di Beatrice Suraro

Anziché investire sugli edifici, rimandando ad interventi futuri la riqualificazione delle aree esterne, la scelta innovativa che sta alla base di questo processo è l’aver previsto di intervenire sullo spazio pubblico quale primo promotore della qualità e dello sviluppo.

L’obiettivo è quindi la realizzazione di un adeguato contesto – sia ambientale sia tecnologico – per il futuro crescita del Centro del Terzo Settore.

L’intervento prevede un’estesa naturalizzazione delle superfici, riconfigurando il rapporto tra le estese aree pavimentate e le poche – e per lo più di marginali – superfici naturali rimaste.

Il disegno complessivo è risolto attraverso un modulo base che, variamente declinato nelle diverse materialità, conferisce all’insieme un’immagine simile ad un affresco, dai confini sfumati, mutevoli e cangianti.

La nuova recinzione disegna il ritrovato rapporto con la città: un filtro, i cui elementi sono studiati per favorirne la permeabilità visiva ed i cromatismi per integrarsi con il paesaggio sia naturale che antropizzato.

Ruolo determinante nella messa a fuoco dell’assetto di progetto ha avuto lo scambio con le associazioni già presenti ed attive da tempo all’interno del comparto: ascoltare le loro voci ci ha permesso di declinare e tematizzare variamente gli spazi previsti, conferendo carattere, atmosfera ed una concreta prospettiva di futuro all’insieme.

Architetto

Paesaggista

Ingegnere

Agronomo

Il centro del Terzo Settore: recupero degli spazi esterni della ex Caserma Piave a Belluno
LUOGO:

Comune di Belluno

CRONOLOGIA:

2018

DATI DIMENSIONALI:

22.000 mq

COMMITTENTE:

Comune di Belluno

INCARICO:

Progetto definitivo, progetto esecutivo, CSP, CSE, direzione lavori

TEAM DI LAVORO:

Arch. Mauro Traverso, Arch. e Paes Egizia Gasparini, Arch. Matteo Rocca, Arch. Valentina Dallaturca, Ing. Andrea Guerra, Agr. Ettore Zauli
Jacopo Battistini, Mattia Leonardi

PARTNER:

Neostudio Archietti Associati

STATO DEI LAVORI:

Lavori in corso

VIDEO:

Beatrice Suraro